Come si “copre” una scommessa di una multipla?

Come si “copre” una scommessa di una multipla?

Spesso le multiple vengono giocate con possibilità di copertura, in pratica un sistema di scommessa fai da te

Giocare 3 partite con orario 15:00 ed una con orario 20:45 significa voler lasciare l’ultima in ordine di tempo con la possibilità di copertura, ma in cosa consiste ciò? In poche parole nel momento in cui dovesse verificarsi l’eventualità di prendere tutte e 3 le partite con orario 15 ci ritroveremo con una vincita sicura (ma più bassa) nel momento in cui andremmo a “coprire” la partita delle 20:45. Ciò significa giocare un’ altra schedina con risultato opposto a quello giocato nella schedina principale.

Scommessa multipla, facciamo qualche esempio

Supponiamo di aver giocato una multipla da 10 eventi sul calcio (ma il ragionamento fila perfettamente per qualsiasi sport). Supponiamo che tale multipla da 10 euro, se vinta, frutti 1000 euro.
Consideriamo il seguente scenario: abbiamo azzeccato le prime 9 partite e per chiudere la multipla dobbiamo attendere l’1 esito finale nel posticipo Milan-Inter.
I nostri 1000 euro sono in mano al Milan: una sconfitta dei rossoneri ci costerebbe una fortuna. Abbiamo, quindi, il timore di buttare al vento i nostri 9 pronostici azzeccati e vorremmo ottenere, qualsiasi sia il risultato del posticipo, un guadagno certo, ma di minore intensità.

Innanzitutto, dobbiamo fare in modo di vincere anche se il Milan pareggia o perde. Dobbiamo, insomma, scommettere sull’X e sul 2 in singola.

In genere, conviene effettuare due scommesse singole separate piuttosto che giocare una sola singola sulla doppia chance X2. In questo modo, potremo anche metterci alla ricerca delle migliori quote per l’X e per il 2 su due bookmakers diversi.

Il calcolo è semplicissimo. Prendiamo l’eventuale vincita della multipla e dividiamo per le quote che abbiamo trovato per ottenere gli importi. Quindi:

  • 1000 / 3,3 = 303 euro per coprire l’eventuale pareggio
  • 1000 / 5.5 = 182 euro per coprire l’eventuale vittoria esterna

Per cui, scommettendo 303 euro sul pareggio a 3.30 e 182 euro sul 2 a 5.50 otteniamo una vincita lorda di 1000 euro a prescindere dal risultato della partita che manca.

Ciò significa che avremo un guadagno netto pari a 1000 – 303 – 182 = 515 euro sia che il Milan vinca, pareggi o perda.

Inoltre è possibile modificare leggermente gli importi da scommettere sui segni da coprire. In tal modo, se pensiamo che le chance di un pareggio siano superiori a quelle della vittoria esterna, possiamo spostare sull’X parte dei soldi da scommettere sul 2, facendo così però ci saremo esposti ad un rischio maggiore e potremmo praticamente rimanere con una manciata di aria in mano.
E’ importante che l’ultima partita da beccare abbia quota alquanto bassa. In caso contrario, dovremmo spendere troppi soldi per coprire gli altri segni e la copertura potrebbe non essere più conveniente.

Questi sono alcuni consigli per coprire le partite rimaste, ricordate sempre di fare i conti, dovrete fare in modo di rimanere sempre in positivo con il netto, altrimenti la copertura non avrebbe senso. Ovviamente è molto importante scegliere la partita delle 20:45, ma fondamentale è aver azzeccato gli altri pronostici precedenti, altrimenti come ovvio che sia non ci sarà alcuna bolletta da coprire visto che sarà persa. Scegliete con attenzione tutti gli eventi sui quali scommettere e ponderate il tutto prima di giocare la schedina.

Categories: Consigli Scommesse