Calciomercato Torino, la rifondazione passerà dalla cessione di Belotti?

Calciomercato Torino, la rifondazione passerà dalla cessione di Belotti?
William Hill Sport Welcome Bonus

E’ ancora attorno al nome di Andrea Belotti che ruota il futuro del Torino: il centravanti della Nazionale è ormai un simbolo dei granata ma a 26 anni sa che probabilmente è arrivato il momento di compiere un salto di qualità a livello di club. Il “gallo” aveva scelto proprio il Torino per compierlo ma, almeno per il momento, la linea societaria non è andata in quella direzione.

Le partenze di gennaio il preludio alla cessione?

Urbano Cairo era stato chiaro in estate: organico mantenuto integralmente e un solo acquisto, quello di Verdi, in vista dell’Europa League. La promessa è stata mantenuta ma l’eliminazione dai preliminari per mano del Wolverhampton e il campionato deludente hanno costretto il presidente ad una rivoluzione anticipata.

Non solo il cambio in panchina (Longo per Mazzarri, anche se la scossa non è arrivata): sono partiti Iago Falque, Bonifazi, Parigini e Laxalt, praticamente senza chiudere nessun acquisto. Ecco allora che il processo potrebbe chiudersi in estate: cedere Belotti e finanziare un mercato che possa aprire un nuovo ciclo granata.

22bet Scommesse

La valutazione di Belotti

Il vero nodo, oggi, è la valutazione di Belotti. Il centravanti non è riuscito mai a ripetere le gesta della stagione 2016-17, quando fu protagonista di 26 gol in campionato. Il Milan provò ad acquistarlo tre anni fa, ma Cairo sparò altissimo: 90 milioni di euro. La clausola di 100 milioni ha tenuto lontani anche club esteri ma intanto il valore del “gallo” è sceso costantemente. Oggi, complice anche la crisi legata al coronavirus, potrebbe non valere più di 40 milioni.

Rabona Scommesse

Cifra ghiotta, considerato anche l’ingaggio non proibitivo (2.5 milioni di euro a stagione): potrebbe provarci la Fiorentina, soprattutto nel caso in cui dovesse partire Chiesa, anche la Roma studia l’affare pensando anche alla carta d’identità e allo stipendio di Dzeko (34 anni e 5 milioni di euro). Sullo sfondo ancora il Milan e il Napoli: ma i partenopei dovrebbero poi liberarsi di almeno uno tra Milik, Mertens e Petagna.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.