Ibrahimovic apre al Napoli: “Sarebbe bello tornare a lavorare con Ancelotti”

Ibrahimovic apre al Napoli: “Sarebbe bello tornare a lavorare con Ancelotti”

Oggi, a Malmoe, è stata inaugurata una statua raffigurante Zlatan Ibrahimovic: l’attaccante, che proprio nella città svedese ha vissuto la sua infanzia, è intervenuto alla cerimonia e non si è sottratto anche alle domande dei giornalisti. Tra questi c’erano gli inviati di Sky Sport che hanno stuzzicato Ibra su uno scenario di cui si era parlato già qualche anno fa.

“Io al Napoli? Tornare con Ancelotti mi farebbe piacere”

L’idea è quella di vedere Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Napoli. Lo svedese sarebbe l’ideale per una piazza passionale come Napoli, anche a 38 anni suonati. Il centravanti, d’altronde, assicura di essere in piena forma fisica: “Per come mi sento e per come sto giocando sono pronto al 100% per giocare in Serie A e non solo. Non ci sarebbero problemi, vedremo se ci saranno opportunità in questo senso. Il Napoli? Posso dire che sarebbe bello tornare a lavorare con Ancelotti. Con Carlo ho un bel rapporto, lui è un’ottima persona e un grandissimo allenatore. E’ un peccato essere stato allenato da lui solo per una stagione, quello era un periodo in cui entrambi vivevamo un bel momento nelle nostre carriere”.

“Mi spiace per il Milan”

Ibrahimovic ha poi analizzato anche la situazione attuale della Serie A, ovviamente da osservatore esterno e da ex delle tre grandi storiche del nostro campionato: “La Juve è il simbolo del calcio italiano in questo momento, anche grazie ai giocatori che ha in rosa. L’Inter spinge, ha un grande allenatore, ma le altre sono più indietro. Il Milan? Per la sua storia dovrebbero arrivare risultati ed investimenti da top club invece oggi lì non vanno i migliori giocatori al mondo. La qualità non è gratis, devono essere fatti investimenti altrimenti non si va da nessuna parte. Alla fine la responsabilità di tutto ciò è di chi comanda”.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.