Ibrahimovic deluso: “Volevo fare il gesto di Dio sotto la curva…”

Ibrahimovic deluso: “Volevo fare il gesto di Dio sotto la curva…”
William Hill Sport Welcome Bonus

E’ durato 35 minuti il (secondo) debutto di Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Milan. Lo svedese è tornato a vestire il rossonero a distanza di sette anni e 8 mesi dall’ultima volta ma il suo ingresso in campo al minuto 55, al posto del solito deludente Piatek, non è servito al Milan per battere la Sampdoria. E’ finita 0-0, tra i fischi di San Siro che pure ha accolto Ibra con tanto entusiasmo: una prestazione dal punto di vista tecnico imbarazzante e che fa restare inchiodati gli uomini di Pioli nelle parti anonime della classifica.

22bet Scommesse

“Volevo segnare ed esultare sotto la curva”

Ibrahimovic ha sì regalato qualche spunto e una presenza fisica importante al centro dell’asfittico attacco rossonero, ma non è di certo al top della forma. Lo svedese ha mostrato delusione nelle dichiarazioni del post-partita: “Per me è stata una giornata emozionante, c’era tanta adrenalina, sembrava essere tornati indietro di 10 anni; il mio rapporto coi tifosi è molto bello, mi danno motivazioni per dare tutto in campo. La prestazione? Si vede che c’è mancanza di fiducia e poca concretezza in attacco. Io farò di tutto per far esprimere tutti al massimo livello ma bisogna lavorare e soffrire. Leao? Gli ho spiegato come muoversi in campo deve fare esperienza. Oggi volevo segnare ed esultare sotto la curva facendo il gesto di Dio…”.

“E’ mancata qualità”

Rabona Scommesse

Anche Pioli parla di una prestazione non soddisfacente dal punto di vista tecnico: “Questa rosa può dare di più sotto quest’aspetto, spesso arrivavamo in area e si sbagliavano le scelte. Non si possono sbagliare tanti passaggi con l’avversario che ti aspetta. Senza qualità queste partite non si vincono. Ibrahimovic? Non siamo abituati ad una presenza come la sua in attacco, ci vorrà tempo per abituarci ma è indubbio che ci può regalare nuove soluzioni. Il suo impatto è comunque stato positivo“.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.