Lazio, Simone Inzaghi sbotta: “Voglio una reazione, non mi bastano i complimenti”

Lazio, Simone Inzaghi sbotta: “Voglio una reazione, non mi bastano i complimenti”

Quattro punti in tre partite, nonostante in campo si sia vista spesso una Lazio davvero brillante: l’inizio di stagione dei biancocelesti è in chiaroscuro ma a gettare ombre sono soprattutto i 25 minuti finali della sfida di domenica scorsa, contro la Spal a Ferrara. Quelli che di fatto sono bastati per perdere tre punti preziosissimi e restare invischiati a metà classifica.

Inzaghi: “Voglio una reazione col Cluj”

Simone Inzaghi si prende le sue responsabilità nella conferenza stampa che anticipa la sfida di domani di Europa League, contro il Cluj. Il tecnico dei capitolini, però, chiede di più anche alla sua squadra: “Sono stati sbagliati 25 minuti in tre partite ma abbiamo quattro punti in classifica. L’asticella va alzata, negli ultimi anni la Lazio è l’unica squadra che ha alzato trofei in Italia con la Juve. Prima della partita di Ferrara eravamo quelli di tre mesi fa capaci di vincere la Coppa Italia, ora voglio una reazione in campo. I ragazzi si sono allenati bene, sono concentrati ma in campo bisognerà fare di più e difendere meglio. A me non bastano i complimenti se poi non si vince, ha ragione Lulic: a volte bisogna essere meno belli e più concreti”.

Immobile, Radu e Luis Alberto non convocati

Inzaghi introduce poi la sfida al Cluj annunciando tre sorprese: Immobile, Radu e Luis Alberto non saranno tra i convocati, così come lo squalificato Marusic. Il Cluj è una squadra fisica, ha un ottimo allenatore come Petrescu ed è reduce dai preliminari di Champions come il Celtic. E il Rennes gioca davvero molto bene. Il sorteggio poteva essere migliore, il girone è complicato, ma voglio vedere in campo la voglia di reagire da parte della mia squadra. Il nostro compito è cercare di far girare gli episodi a nostro favore ed è per questo che bisognerà lavorare bene e con grande lucidità”.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.