L’Inter e il tesoretto che arriverà dai prestiti

L’Inter e il tesoretto che arriverà dai prestiti

Qualche giorno fa, in questo articolo, vi avevamo parlato dell’incredibile stagione che sta vivendo Gabigol: il centravanti brasiliano ha trascinato il Flamengo in finale di Coppa Libertadores e al primo posto nel Brasilerao, ormai ad un passo. Quello che era diventato, forse troppo presto, una sorta di oggetto misterioso, già a gennaio potrebbe fruttare un gruzzoletto niente male per le casse nerazzurre.

Accordo raggiunto col Flamengo

Sì, perché anche grazie alla finale di Libertadores, il Flamengo ha nuovi fondi da investire sul mercato e la volontà del club è quella di non lasciarsi sfuggire l’attaccante. Stando alle ultime indiscrezioni, i due club avrebbero raggiunto un accordo per il trasferimento definitivo di Gabigol dopo la fine del prestito fissata al 31 dicembre. Il club brasiliano dovrebbe pagare 22 milioni di euro per il cartellino, niente male.

Ma non è tutto. L’Inter guarda con interesse, ovviamente, anche all’evoluzione di Mauro Icardi a Parigi. Dopo un inizio stentato, complice anche l’infortunio di Cavani, Icardi ha trovato spazio e ha cominciato a segnare con impressionante regolarità. L’argentino, ex capitano dei nerazzurri, è in prestito con diritto di riscatto per il Psg fissato a 70 milioni di euro.

Joao Mario brilla con la Lokomotiv Mosca

Un altro pezzo da novanta che l’Inter ha ceduto in prestito è Joao Mario. Costato 40 milioni di euro, il portoghese non è mai riuscito ad adattarsi completamente al nostro campionato. In Russia, però, sta mettendo in mostra le sue qualità: in campionato, dove la Lokomotiv è prima, è stato utilizzato in sette occasioni (con un gol all’attivo) mentre nelle tre partite di Champions (compresa quella molto positiva a Torino contro la Juve) è stato sempre titolare.

I russi per ora pagano l’ingaggio di 3.5 milioni di euro stagionali di Joao Mario ma a giugno potrebbero far valere il riscatto fissato a 18 milioni. Dando così possibilità ad Ausilio e Marotta di inseguire quel centrocampista di caratura internazionale richiesto da Conte.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.