Lippi sentenzia: “Juve ancora troppo superiore all’Inter”

Lippi sentenzia: “Juve ancora troppo superiore all’Inter”
William Hill Sport Welcome Bonus

E’ stata ricca di spunti l’intervista di Marcello Lippi a ‘Radio Anch’io Sport’, in onda su ‘Rai Radio 1’. L’ex c.t. della Nazionale non solo ha parlato di attualità calcistica, concentrandosi ovviamente sul discorso scudetto e sulla vittoria di ieri della Juventus nel big match contro l’Inter, ma anche di come l’emergenza coronavirus stia condizionando lo sport.

“Juve ancora superiore all’Inter”

Sulla partita dello Stadium, Lippi ha pochi dubbi: “E’ stata una partita che hanno giocato bene entrambe: l’Inter meglio nel primo tempo ma la qualità dei bianconeri alla fine è venuta fuori. La Juve ha mostrato la solito determinazione e forza che mette nelle partite importanti. Ieri sera ha dimostrato di essere ancora superiore ai nerazzurri”.

Sul discorso Scudetto, comunque, Lippi non esclude l’Inter di Conte: “Vincendo il recupero con la Sampdoria si porterebbe a 6 punti, deve crederci anche perché ha disputato sin qui un ottimo campionato. La Lazio è pienamente in corsa: dopo 2/3 di campionato ha dimostrato che può vincerlo per le qualità fisiche e tecniche oltre che per l’organizzazione di gioco”.

22bet Scommesse

L’emergenza coronavirus

Non si poteva non parlare del coronavirus e di come anche lo sport si stia adeguando. Lippi ha le idee chiare: “Il governo deve prendersi le responsabilità e decidere, i consigli devono arrivare da chi conosce questi problemi meglio di noi. Fermarsi? Non sarebbe un problema. Certo è che se ci sono polemiche sul fatto che i giocatori si abbracciano dopo un gol evidentemente c’è gente che non conosce questo sport. In questo momento tutti devono fare la loro parte: ieri ho visto gente in spiaggia, al ristorante: la verità è che non è facile rinunciare alla propria quotidianità”.

Rabona Scommesse

E dal punto di vista più pratico? Anche in questo caso il tecnico toscano ha la sua risposta: “Non si può assegnare uno scudetto o decidere le retrocessioni in un campionato dove restano da giocare 12 giornate. Dovrebbe essere invalidato. L’Europeo? Anche in questo caso chi deve prendere le decisioni dovrà farlo con senso di responsabilità”.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.