Napoli, De Laurentiis passa ai fatti: taglierà il 25% dello stipendio mensile dei giocatori?

Napoli, De Laurentiis passa ai fatti: taglierà il 25% dello stipendio mensile dei giocatori?
William Hill Sport Welcome Bonus

La bufera, le parole (forse troppe) ora i fatti: Aurelio De Laurentiis dalla prossima settimana comincerà la battaglia legale che – nelle intenzioni del presidente del Napoli – si dovrebbe chiudere con una fortissima multa per i suoi giocatori. Colpevoli, lo ricordiamo, di un vero e proprio ammutinamento dopo la partita di Champions League col Salisburgo: invece di seguire in ritiro, imposto dal club, lo staff tecnico con l’allenatore Ancelotti, tutti i calciatori decisero di tornare nelle proprie case.

25% sullo stipendio lordo mensile?

Nonostante durante l’ultima settimana, complice anche la pausa per gli impegni delle Nazionali, si sia più volte ipotizzato un ravvicinamento tra società e rosa, il finale di questa storiaccia è ancora lontano dall’essere scritto. Stando a quanto oggi scrive il ‘Corriere dello Sport’, De Laurentiis punterebbe al massimo della multa prevista.

22bet Scommesse

Più in particolare, l’articolo 11 comma 3 dell’accordo collettivo parla di una penalità che non può superare, nei casi più gravi di inadempimento contrattuale, il 25% dello stipendio mensile lordo. Ed è proprio questa soglia che il Napoli vuole raggiungere nella sentenza che sarà pronunciata dal Collegio di disciplina.

Quanto risparmierebbe il Napoli?

La stessa fonte sottolinea anche che non tutti i componenti della rosa partenopea saranno sanzionati con la stessa percentuale: il CDS fa intendere che saranno i calciatori ritenuti responsabili dell’ammutinamento a pagare di più. In totale il Napoli potrebbe rientrare di circa 2.5 milioni di euro in stipendi non pagati, decisamente una bella somma.

Rabona Scommesse

Vale la pena ricordare che tra i “ribelli” è segnalato Allan, secondo molti protagonista di una lite nello spogliatoio col vice-presidente, Edoardo De Laurentiis. Al brasiliano non sarebbero valsi i tentativi di scuse dei giorni scorsi: EDL ha, anzi, rincarato la dose con alcune dichiarazioni molto dure, in cui affermava che i giocatori di oggi “non hanno le palle” come quelli che militarono in Serie C e B col Napoli.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.