Napoli, Gattuso mastica amaro: “L’errore di Ospina? Colpa mia”

Napoli, Gattuso mastica amaro: “L’errore di Ospina? Colpa mia”
William Hill Sport Welcome Bonus

Terza sconfitta in quattro partite per Rino Gattuso alla guida del Napoli. Proprio come nel match contro l’Inter, però, i partenopei si sono resi protagonisti di un’ottima prestazione contro la Lazio, a tratti dominando nel secondo tempo. A punire, ancora una volta, il Napoli è stato un clamoroso errore individuale: stavolta è Ospina a condannare i suoi alla sconfitta, perdendo palla in un improvvido dribbling su Immobile e di fatto spalancando al capocannoniere del campionato la porta per l’1-0 con cui si è chiusa la partita. Mancavano dieci minuti e gli azzurri avevano sfiorato in precedenza il gol con Zielinski (palo) e Insigne.

“L’errore di Ospina è colpa mia”

Gattuso, nel dopo-partita, ha subito cercato di proteggere dalle critiche il portiere colombiano: Ospina ha commesso un errore ma sono io il responsabile. Sono cose che proviamo in settimana, sono io a chiederle e il pallone non voglio che venga buttato, mi arrabbio. Il portiere è un giocatore a tutti gli effetti, stasera ci ha fatto uscire una decina di volte dalla prima pressione: questa è la strada da percorrere”.

22bet Scommesse

L’analisi è poi più in generale sulla partita: “Si iniziano a vedere le cose che chiedo, dietro abbiamo sofferto pochissimo. Questi giocatori per tanti anni hanno espresso il miglior calcio d’Italia, poi è stato tutto diverso e ora facciamo fatica ad essere una squadra pensante. Di oggi mi tengo la prestazione, i ragazzi devono capire che siamo sulla strada giusta ma è dura quando non si vince. Ora serve un filotto di vittorie, non va guardata la classifica. L’obiettivo immediato è quello di tenere gli avversari nella loro metà campo”.

Il giudizio su Insigne

Rabona Scommesse

L’allenatore del Napoli parla poi di Insigne: “Ha giocato molto bene nel secondo tempo, nel primo non è venuto mai dentro e ha fatto fatica. Si è mosso bene ma si deve migliorare il gioco di catena sulle fasce”.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.