Sneijder si ritira, smette un altro protagonista dell’Inter del “triplete”

Sneijder si ritira, smette un altro protagonista dell’Inter del “triplete”

Wesley Sneijder ha deciso di porre fine alla sua carriera agonistica: il fuoriclasse olandese appende gli scarpini al chiodo a 35 anni, dopo aver concluso il contratto che lo legava al club quatariota dell’Al-Gharafa. E’ un annuncio che emoziona ovviamente tanti tifosi dell’Inter che si sono goduti Sneijder nel momento più bello della sua carriera: era il 2010, il fantasista guidò i nerazzurri a quello che è rimasto nella storia come il “triplete”, con la vittoria in pochi giorni di campionato, Coppa Italia e, soprattutto, Champions League.

La carriera di Sneijder

Nato ad Utrecht, Wesley è cresciuto nell’Ajax dove ha conquistato i suoi primi trofei: una Eredivisie, una Supercoppa e due Coppe d’Olanda. Arriva subito il salto al Real Madrid dove, complice anche un infortunio al ginocchio, non riesce ad esprimere il suo talento: vince Liga e Supercoppa di Spagna, ma dopo due anni arriva il trasferimento all’Inter che lo consacrerà come uno dei più grandi talenti d’Europa.

Coi nerazzurri vince il già citato triplete e il Mondiale per Club, oltre ad una Supercoppa e ad un’altra Coppa Italia. Un bottino favoloso, impreziosito dalla finale di Champions di Madrid dove servì anche un assist a Milito nella vittoria contro il Bayern. Arriva poi il trasferimento al Galatasaray (due campionati, tre coppe nazionali e altrettante Supercoppe) prima dell’ultima, anonima, parte di carriera in Qatar. Nel curriculum anche una finale Mondiale: il 2010 è stato l’anno d’oro di Sneijder come testimonia anche l’ottimo Mondiale disputato in Sudafrica. Con l’Olanda arrivò fino in finale, dove fu battuto dalla Spagna di Iniesta. Quell’anno finì quarto nella classifica del Pallone d’Oro.

Dirigente all’Utrecht?

L’annuncio è stato inusuale: Sneijder ha comunicato l’addio al calcio giocato al sito ufficiale dell’Utrecht, club al quale probabilmente si legherà ora con un futuro da dirigente. Intanto ha comprato uno Sky Box nello stadio del club olandese, preannunciando di voler assistere a tutte le partite del club della sua città natale. L’Inter, intanto, l’ha salutato con un tweet in cui il club nerazzurro si dice “onorato” di aver fatto parte della sua carriera.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.