Mancini: “Balotelli in Nazionale quando lo avrà meritato”

Mancini: “Balotelli in Nazionale quando lo avrà meritato”
William Hill Sport Welcome Bonus

Primo giorno di raduno per la Nazionale, attesa dagli ultimi due incontri del girone di qualificazione ad Euro 2020 (Bosnia in trasferta, Armenia in casa) che gli azzurri si sono già aggiudicati aritmeticamente. Nella conferenza di rito ovviamente è stato il c.t. Roberto Mancini a catalizzare l’attenzione dei giornalisti. Tanti gli argomenti toccati, su tutti quello relativo alla mancata convocazione di Mario Balotelli.

“Balotelli in Nazionale quando lo meriterà”

Mancini, anche in risposta ad alcune indiscrezioni che volevano il ritorno del centravanti anche per dare un segnale contro il razzismo, è stato perentorio: “A Mario voglio bene, bisogna capire le sue motivazioni e credo sia più giusto chiamare adesso chi se lo merita. Lo convocherò se ci sarà occasione in futuro e lo farò solo perché starà facendo bene e non per altre questioni. Tornerà in Nazionale quando lo meriterà”.

22bet Scommesse

Il c.t. ha poi parlato anche dei nuovi convocati: “Non abbiamo troppo tempo per sperimentare è per questo che abbiamo scelto di non stravolgere la squadra. I nuovi? Orsolini ha grande qualità e ha già giocato l’Europeo Under 21. Cristana è un profilo importante e giovane, come Castrovilli. Dobbiamo valutare per prima cosa se ci daranno una mano nel lungo periodo e anche per questo non è escluso che in futuro non possano essere chiamati altri giovani”.

“Sensi e Barella giocatori importanti”

Una frecciatina Mancini la riserva ad Antonio Conte che aveva parlato di poche possibilità di competere su più competizioni con un centrocampo formato da Sensi e Barella, provenienti da piccoli club: “Non so perché Conte abbia detto questo, per me sono entrambi giocatori importanti, fanno parte della Nazionale. Non avranno certo l’esperienza di 10 anni in Champions League ma con noi hanno giocato sempre bene ed hanno ampi margini di miglioramento”.

Rabona Scommesse

Sul discorso centravanti: “Belotti e Immobile continueranno ad alternarsi. Per ora è così, il 4-3-3 è consolidato ma non vuol dire che non possano giocare assieme”.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.