Il Chelsea si gode Abraham e i suoi numeri da record

Il Chelsea si gode Abraham e i suoi numeri da record

23 gol, col Bristol, a 19 anni, in Championship, poi un primo assaggio di Premier League con lo Swansea, con 5 gol all’attivo. Infine, l’esplosione che arriva ancora nella seconda divisione inglese, con la maglia dell’Aston Villa: 26 gol. Era questo il biglietto da visita di Tammy Abraham che a 21 anni è tornato nel club che lo ha visto crescere, il Chelsea, e tra l’incredulità anche dei suoi stessi tifosi è diventato in brevissimo tempo uno degli attaccanti più prolifici in Inghilterra.

Tre gol al Wolverhampton, record di Cristiano Ronaldo e Alli eguagliato

Sabato scorso il Chelsea ha passeggiato sul campo del Wolverhampton, cogliendo con un sonoro 5-2 la seconda vittoria in campionato. Mattatore assoluto è stato Abraham autore di una splendida triplette che gli è valso un record davvero particolare: è solo il terzo giocatore nella storia della Premier League a realizzare due o più gol per tre partite di fila. I predecessori? Cristiano Ronaldo, che ci riuscì nel dicembre del 2006, e Dele Alli, nel gennaio del 2017. Senza contare che nel 5-2 rifilato ai Wolves si è reso protagonista anche di un autogol…

Abraham, che esattamente un mese fa era stato ricoperto di insulti razzisti anche dai tifosi del Chelsea per aver sbagliato un rigore nella finale di Supercoppa Europa col Liverpool, è così salito a sette reti in cinque giornate, capocannoniere assieme al Kun Aguero.

Il Chelsea punta sui giovani

La voglia di Lampard di cominciare un nuovo progetto coi giovani e le restrizioni sul mercato, hanno convertito il Chelsea di quest’anno in una fucina di talenti davvero interessante. Oltre ad Abraham sta brillando Mason Mount, mentre si sta mettendo in mostra anche Fikayo Tomori. E per la prima volta in Premier League una squadra segna 11 gol di fila firmati da ragazzi con età non superiore ai 21 anni. Il futuro passa dalle parti di Stamford Bridge.

Categories: News

About Author

Alfonso Alfano

Appassionato di Liga e Premier League, fondatore e direttore di Tuttocalcioestero, sono assiduo "frequentatore" anche dei campi di Libertadores e Jupiler League belga.